PERCHE’ UN PARTO SENZA OSPEDALE?

 

Perché è la dolce prosecuzione di quanto iniziato 9 mesi prima …

Perché per le gravidanza a basso rischio ovvero circa l’85% partorire in casa è sicuro quanto partorire in ospedale anzi spesso anche di piu'!!!

Non esistono studi che dimostrino che partorire in ospedale sia piu' sicuro per le donne

che hanno una gravidanza fisiologica ...

Purtroppo oggi è l’informazione che manca alle Nostre donne basti pensare

che l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità )sostiene che

Il luogo primo della nascita deve essere La casa, poi c’è la casa maternità,

poi i reparti ospedalieri di 1° livello e solo in ultima istanza il ricorso a ospedali di 2° e 3°livello.

Partorire a casa non è una moda bensì’ una scelta sicura per la donna e per il suo bambino eppure

nonostante esistano tali Evidenze le donne che decidono di intraprendere questo percorso

si sentono additate, accusate di essere egoiste e incoscienti.

 

 

E SE SUCCEDE QUALCOSA?

 

Partiamo dalla sicurezza se parliamo di mortalità che è il primo rischio che viene in mente a chi non sa nulla di parto domiciliare questo è scientificamente provato essere lo stesso mentre per il resto partorire in ospedale incrementa il rischio di essere sottoposte a circa il 60% in piu’ di interventi rispetto ad una partoriente domiciliare e al 30% in piu’ di complicazioni.

Il parto ospedaliero dovrebbe essere riservato alle partorienti che per ragioni patologiche rimanendo a casa rischierebbero per se e per il loro bambino. La cultura ufficiale pero’ non ne parla e quindi le donne non sanno di avere tale opportunità e quelle che invece la scelgono continuano ad essere accusate ingiustamente.

Accedendovi solo donne selezionate e preparate a tale tipo di evento famigliare ed essendo seguite dallo stesso specialista dai 9 mesi alla fine ne nasce una profonda conoscenza che permette all’ostetrica di interpretare con maggior attenzione e conoscenza determinati atteggiamenti .

                                                                            Quindi “ e se succede qualcosa” è un’evenienza molto rare e se qualcosa devia dal

                                                                            percorso ce ne accorgiamo in tempo e abbiamo tutta la calma per recarci in ospedale in 

                                                                            totale sicurezza . A casa diamo importanza anche al minimo dettaglio e come qualcosa 

                                                                            “non ci torna” seppur piccolo iniziamo a lavorarci questa minuziosa attenzione 

                                                                            all’ospedale non si richiede perché lui è sempre pronto e disponibile a gestire ogni 

                                                                            emergenza .Inoltre si da per scontato che partorire in ospedale sia piu’ sicuro perché 

                                                                            dispone di ogni attrezzatura mente a casa … Non è assolutamente vero neanche questo .

                                                                            L’ospedalizzazione generalizzata di tutte le gravide ha prodotto pazienti mediche che non sanno piu’ ascoltarsi , pazienti che delegano al risultato dell’esame il loro benessere invece che all’ascolto interno e all’ascolto dei movimento fetali , Se chiediamo ad una gravida come stai? La sua risposta è nel 90% dei casi “ sto bene le analisi vanno bene anzi mi manca un po di ferro “ ed io ne rimango allibita ogni volta perché se continui ad insistere e chiedere loro

“ma tu al di la delle analisi come ti senti?” la loro risposta è il silenzio. Cosa peggiore se chiedi loro come

sta il loro bambino la risposta allarmante qui è “ sta bene poi la prossima ecografia è tra un mesetto

circa …” ecco cosa ha prodotto la cattiva informazione …. Noi siamo delle professioniste e operiamo

sempre sotto linee guida, protocolli , evidenze scientifiche e non lasciamo nulla al caso anche

per Noi la sicurezza è al primo posto abbiamo infatti nelle nostre Borse del parto che solitamente

lasciamo a casa della donna intorno alle 37 settimane tutto l’occorrente per lavorare in tranquillità e

sicurezza . Anche se a casa la donna ed il bambino sono monitorate e sorvegliate anche piu’ approfonditamente che in ospedale visto che ad un parto in casa siamo sempre due ostetriche cosi da poterci occupare bene dei bisogni della donna e del suo bambino a differenza di quello che avviene in ospedale dove due ostetriche hanno tutta la sala parto da sorvegliare senza sottovalutare il fatto

                                                                che non le conosci e che magari in pieno travaglio avviene il cambio turno e sei costretta a 

                                                               lasciar andare quella che ti aveva seguito con tutte le conseguenze sull’andamento del tuo parto.

                                                               Ci tengo a sottovalutare che non voglio screditare l’ospedale con queste parole ma serve solo

                                                              alle donne patologiche e che è giusto che la donna abbia ampie possibilità di scelta cosi da

                                                               valutare quella che fa piu’ per lei ,

 

                                                              CHI PUO’ ACCEDERVI?

Tutte le donne che hanno una gravidanza fisiologica circa 85 su 100, donne che hanno fatto un

percorso con l’ostetrica e qui ci tengo a fare una precisazione.L’ostetrica è la figura professionale

sanitaria che ha la competenza professionale per assistere in totale autonomia la donna dalla

positività del test di gravidanza in poi e con in poi intendo fino alla Menopausa compresa passando

pertutte le fasi intermedie.Io sono un’ostetrica libero professionista ovvero un’ostetrica che ha

deciso per scelta di lavorare privatamente e di avviare un suo centro di benessere femminile

che si chiama “aiuto saro’mamma… con l’ostetrica dal pancione alla menopausa” e qui mi occupo

della donna nel suo divenire proprio perché come avviene in tutti gli altri stati europei siamo Le professioniste di riferimento cosi da  garantire quella continuità assistenziale necessaria per mantenere la donna e la sua famiglia in perfetta salute. I 9 mesi

                                               proprio perché di Nostra competenza prevedono incontri dettagliati e approfonditi nel corso dei quali

                                              andiamo ad incrementare le competenze biologiche di mamma e bambino , a sostenere il processo

                                              genitoriale , a definire un ruolo ed uno spazio al compagno essenziale anche lui nel processo del parto,  

                                              valutiamo il loro stile di vita, gli eventuali fattori di rischio che la coppia presenta , l’alimentazione dal 

                                             momento che è importante per mantenere la fisiologia dell’evento , lavoriamo quindi Con la coppia e Per   

                                             la    coppia su ogni piano fisico tramite lavoro corporeo specifico per allentare le tensioni e le contratture 

                                            che poi al travaglio incrementano la percezione dolorosa, insegnamo tecniche di respirazione apposita da

                                            fare in coppia a casa per prepararsi , lavoriamo sul significato e sul ruolo del dolore come guida nelle

                                             posizioni da assumere per facilitare l’evento, tutte le tecniche per sopportare la “doglia” , per preparare il

                                            perineo ed evitare che venga tagliato , la rieducazione e riattivazione del pavimento pelvico per aiutarlo a  

                                             sostenere il peso dei 9 mesi e riprendersi piu’ velocemente nel dopo e tanto tanto altro insomma in realtà la nostra preparazione permette a tutte di accedere ad un parto domiciliare proprio perché

caratteristica, esaustiva e professionale. Per un parto domiciliare la donna è preferibile che

riceva la nostra assistenza sin dalla positività del test proprio perché diversa da quella

del medico che è abituato a trattare la patologia ma capita anche di avere donne che si

rivolgono a noi intorno alle 30 settimane proprio perché desiderose di fare questo parto

quindi a 32 settimane facciamo una prima selezione che puo’ capitare porti all’esclusione

di alcune di loro per dei piccoli fattori di rischio che è meglio affrontare in un ospedale

semplicemente di 1 livello , per le donne che superano tale fase a 37 c’è la visita che da

l’ok definitivo per il parto domiciliare e che fa partire la nostra reperibilità.Quindi da quando

diamo l’ok poi la donna deve superare alcuni step questo per dimostrarvi che operiamo

nella sicurezza piu totale. .

 

 

A QUESTO PUNTO COSA è UN PARTO DOMICILIARE?

E QUALI SONO LE RAGIONI PER SCEGLIERE DI NON PARTORIRE IN OSPEDALE?

 

Partiamo dalla risposta scientifica per arrivare a quella “romantica” come direbbero in tante ..Prendendo le parole dell’OMS e della letteratura scientifica è un’alternativa sicura alla nascita in ospedale per le donne che hanno una gravidanza fisiologica . Non esistono studi che dimostrino che partorire in ospedale sia piu’ sicuro che farlo nelle proprie mura domestiche anzi la propria casa riduce l’utilizzo di interventi medici spesso fatti semplicemente di routine senza nessuna spiegazione a loro sostegno.

                                                     L’altra risposta è perché è una nascita rispettosa, una nascita umana …

                                                     Per usare le parole di una mia mamma “ è una nascita dolce e romantica alla stessa maniera di 

                                                     quando lo abbiamo concepito “

                                                     e questa è una frase che credo racchiuda tanti significati.

                                                    Il parto in casa infatti è un parto sicuro anche perché è svolto in intimità, in tutta privacy,

                                                    solitamente al buio con le luci delle candele , con una musica specifica di sottofondo,

                                                    con gli odori famigliari , i propri odori , nel posto dove sono io donna la padrona di casa ..

                                                    il parto è anche e soprattutto questo una questione ormonale oltre che meccanica e

                                                    l’ormone lavora bene in condizione di calma non sotto stress dove invece viene ostacolato.

                                                    Per rendere l’idea dico sempre il parto è animalesco ,

il parto è istinto di protezione , è sopravvivenza.

Avete mai fatto caso a quando scatta un travaglio? Nella maggioranza dei casi di notte perché

la notte porta con se’l’intimità, il buio, il silenzio, condizioni che portano all’introspezione ,

condizioni che favoriscono l’abbandono equesto caratterizza il mondo animale .

Gli animali per tutelarsi partoriscono all’opposto della vita del branco;

il pipistrello che vive di notte partorisce di giorno, la mucca, la capra invece partoriscono

di notte cosi’ sono protettidall’adrenalina che il parto produce negli spettatori.

Questo per dire che nel parto giocano un ruolo importante le emozioni quanto il meccanismo e a

                                                casa tutto questo è facilitato perché l’ospedale crea soggezione,ansia spesso le donne a casa hanno le

                                                contrazioni arrivano in ospedale e tutto svanisce e si  demoralizzano ma è normale l’ansia genera la

                                                produzione di ormoni che bloccano il parto per protezione!!! Il parto domiciliare quindi è una scelta sicura

                                               anche di piu’ del parto ospedaliero per le donne fisiologiche e non per scelte egoistiche ma per scelte ben

                                               ponderate.Le principali motivazioni che spingono una donna  coppia a partorire a casa sono il poter 

                                               essere libere, libere di fare, libere di muoversi, di mangiare, di urlare  se ne hanno bisogno, di avere la   

                                               stessa ostetrica dall’inizio alla fine , partorire nella posizione che preferiscono, poter prendere parte alle

                                               decisioni , non venire mai separate dal bambino, dare al 2° figlio una nascita diversa .Quando mi viene

                                               detto ma perché nel 2014 ancora si partorisce a casa? Io amo rispondere per fortuna non si è mai smesso

                                               e piu’ andiamo avanti e piu’ la richiesta aumenta. L’ospedale è per i malati e una donna incinta non

                                              dovrebbe metterci piede ti verrebbe mai in mente di fare l’amore con tua moglie in una stanza piena di

                                              sconosciuti e con le luci puntate addosso? Per tante patorienti l’effetto è proprio questo. Quindi si per fortuna si partorisce ancora a csa ieri come oggi nella sicurezza piu’ totale sotto gli occhi vigili e attenti di 2 professioniste .

 

 

 

E UNA VOLTA PARTORITO?Continuiamo a dare alla neo famiglia l’assistenza di cui necessita .

Li aiutiamo e li sosteniamo a casa con il bagnetto, la medicazione del moncone ombelicale,

il massaggio del neonato, l’allattamento al seno, come capire se si attacca correttamente,

se mangia a sufficienza e rispondere a tutte le loro domande. Il dopo parto è la fase piu’

delicata della maternità un po’ per il cambiamento ormonale, un po’ per la non piu’ attenzione che

ti era stata riservata nei 9 mesi precedenti, un po’ per il dover conciliare i vari ruoli, mamma,moglie

e donna insomma un periodo delicato che necessita della presenza di una Ostetrica di fiducia che

sappia guidarti laddove il contesto intorno ti faccia perdere la rotta come accade spessissimo e poi il gruppo il loro sostegno è fondamentale in tutto questo e noi Ostetriche libero professioniste offriamo tutto cio.

 

 

 

 

 

 

                                                         IL MESSAGGIO CHE VOGLIO LASCIARVI:

 

è importante esaminare tutte le possibilità che il territorio laziale vi offre per Il Vostro parto e solo dopo aver esaminato attentamente tutto fate una valutazione realistica dei rischi, dei vostri desideri e di cio’ che secondo Voi è piu’ giusto per il vostro parto. Rivolgetevi ad un’ostetrica per l’assistenza ai 9 mesi perché è lei la specialista di riferimento del benessere femminile e dei 9 mesi e se qualcosa devia sarà lei stessa ad indirizzarvi al medico specicifo. Partorire in casa è sicuro quanto è piu’ di un parto in ospedale , è una nascita sicura per ogni donna che voglia vivere l’esperienza del parto nell’intimità e nella sicurezza della propria casa , nelle gravidanza a basso rischio il parto ospedaliero non solo non offre maggiore sicurezza ma espone il neonato ad una maggiore incidenza di morbosità-per maggiori informazioni  passate in sede saro’ lieta di rispondere a tutte le vostre domande e a darvi il benvenuto nel nostro circolo!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IL PARTO DOMICILIARE...

intervista fatta alla Dott.ssa Serena Anzilotti

per un Progetto Regionale ...

Per la rubrica delle donne,mamme e mogli oggi parliamo del MAGICO MOMENTO DELLA NASCITA ... e del taglio "episiotomia"
con Serena anzilotti ,da quasi 20 anni al fianco delle donne che scelgono la Nascita in casa ..

👉Per te, quale è Il momento più magico della Nascita???
è difficile spiegarlo a parole perché è un momento che va vissuto per essere compreso ... è davvero un momento magico... forse per questo spesso viene sottovalutato, viene accelerato, viene negato ? paura, velocità, fretta degli operatori perché prima termina meglio è per tutti... Ma no, no, non deve essere così, basta non possiamo più permetterlo!!! È importante la determinazione delle donne qui ,devono pretenderlo per il bene dei loro figli e per il Loro !!!! La Nascita non è il traguardo,non è l 'arrivo dei 9 mesi ....la nascita è un altro importante tassello della maternità,della genitorialità...dalla Nascita oltre a venire al mondo il bambino , nasci anche tu come Donna Nuova ,abbandoni la veste di figlia per indossare definitivamente i panni di mamma ....dalla modalità del parto dipende e dipenderà la tua sicurezza, il tuo Essere Donna, Mamma, Moglie .... eppure raramente si spiega alle donne ...

E' il più grande Rito di passaggio dal quale poi dipenderanno tutti i successivi...pertanto non permettete di farvi privare della sua Potenza ,della sua magia, della sua sacralità....sono al fianco delle Donne in questo passaggio da quasi 20 anni ....e il momento maggiormente potente,Estremamente sacro per me è quello della disconnessione della Donna...quella fase dove incontra la morte,dove le energie sono terminate quel momento dove ha raggiunto il limite di sé stessa ,sta per mollare quando invece ...ecco improvvisamente tornare le forze per portare alla luce suo figlio .... e'proprio questo sacro e magico momento nel 90% dei casi ad essere accelerato con la malefica ossitocina,con le spinte sulla pancia(Kristeller) con frasi anche forti sulla donna (e spingi dai ..che non sai spingere ???) , con il famoso taglio l'episiotomia... Eppure e' il momento che merita maggior rispetto in assoluto, maggiore lentezza, attenzione,contemplazione e assolutamente nessuna parola, nessuna domanda , nessuno stimolo perché bisogna lasciare che la donna sia istintuale, incontri la sua profondità, il suo istinto ancestrale se non si vuole mettere in pericolo... si proprio in pericolo la nascita e la vita di mamma e bambino ...

La testina del tuo bambino è appena uscita, ha trovato la sua strada... Lei ha appena oltrepassato la Porta magica.., il Portale dei due mondi... Ma.. ma il resto del corpo è ancora di là, dentro di te... Dietro la Porta... ha bisogno ancora di qualche doglia per passare, ha bisogno ancora di qualche momento per adattarsi ... e deve averlo !!!!
Non devono esserci mani che lo tirano,che lo toccano, che lo incitano,che danno fretta ...è il suo arrivo... è la prima volta che sente voci senza il filtro uterino e 'la prima volta che viene toccato senza il filtro uterino e perché deve avere questo benvenuto ....perché????

Io qui, chiedo sempre ai papà di guardare la testolina del loro bambino, dico sempre ai papà di osservarla, dico sempre ai papà di contemplare questo passaggio e di proteggerlo...perché questa è VERA MAGIA ... e questa magia va vissuta, va assaporata, va custodita !!!...

Il Tuo bambino è qui ma è anche ancora di là... il tuo bambino è tra i 2 mondi ...sta lasciando il caldo utero per raggiungere il calore delle tue braccia e nessuno si deve intromettere in questa magia ...
In questo momento è racchiuso tutto Il mistero della vita, del mondo... non perderti questo momento, non permettere a nessuno di accelerarlo, in questo momento tuo figlio ha bisogno di te e tu di Lui .... Ha bisogno di vivere ancora qualche momento così prima di chiudere dietro di lui la Porta universale...

Informati.... ascoltati ,fermati a comprendere i tuoi bisogni, quelli del tuo bambino , cerca di capire cosa desideri dal luogo che accoglierà il vostro incontro e cerca la struttura che può davvero permetterlo ...senza se e senza ma ...e se sta a 2 ore di macchina da te ....se la tua gravidanza è fisiologica vai ...
Buona nascita a tutte Voi
Serena Anzilotti

 Moon To Moon - Woman Care

       Mount Carmel  Lodge -  Latton -  A75 HF40  

                  on the gps write Moon to moon

                           

                           0834000999

                 

 

© 2023 by Maple Park Family Practice. Proudly created with Wix.com

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now